Misura 1.4.B.7

Controllo della parità salariale nell’ambito degli aiuti finanziari che il Cantone elargisce alle aziende innovative sulla base dei criteri definiti nella legge per l’innovazione economica

Cantone TI
Le informazioni sulle misure sono disponibili in tedesco o francese

Contenuto

Le aziende che, sulla base dei criteri di accesso definiti dalla Legge per l’innovazione economica (LInn), ricevono dei sussidi cantonali all’innovazione, devono certificare annualmente il rispetto del criterio di parità salariale. Le aziende sono sottoposte a dei controlli a campione al fine di accertare la veridicità delle autocertificazioni.

Obiettivo

Introdurre dei meccanismi di controllo della parità salariale nell’ambito delle aziende che ricevono un sostegno cantonale all’innovazione economica.

Responsabilità

Ufficio per lo sviluppo economico

Partners

Ufficio dell’amministrazione e del controlling

Stato

Stato di attuazione

---

Tappe principali e calendario

La modifica di legge è stata approvata dal Gran Consiglio in occasione della seduta del 26 maggio 2020 ed è entrata in vigore il 7 agosto 2020. I controlli sono svolti annualmente fintanto che la normativa è in vigore.


Basi legali
vigenti

Art. 6 cpv. 1 Legge per l’innovazione economica (LInn)

Basi legali
da istituire

---

Indicatori e obiettivi quantitativi

- Numero di controlli annui effettuati
- Gender Pay Gap (riduzione della disparità salariale e della parte non spiegata da fattori oggettivi).

Altre basi

Verbale seduta II del Gran Consiglio del 26 maggio 2020, p. 295-299 (https://www3.ti.ch/POTERI/legislativo/attivita/vgc/2020/1508-Seduta02s.pdf).

Risorse

Per il progetto non sono state definite risorse supplementari.


Campo d'azione

Vita professionale e pubblica Meccanismi di controllo della parità salariale

In che misura la Confederazione, le Città o i Comuni sono coinvolti nell’applicazione della misura?

Per i controlli il Cantone Ticino utilizza lo strumento di analisi standard Logib messo a disposizione dalla Confederazione.
I controlli dovranno essere riconosciuti dalle altre collettività pubbliche (Comuni, Confederazione), a livello nazionale.